Legalità ed etica. Le proposte di Francesca Sindona partono dal Festival del Lavoro con destinazione Bruxelles - Bnews
Legalità ed etica. Le proposte di Francesca Sindona partono dal Festival del Lavoro con destinazione Bruxelles
francesca sindona

La capacità progettuale e la cultura della legalità hanno premiato Francesca Sindona, studentessa di Milano-Bicocca che volerà a Bruxelles dopo aver vinto il concorso “Generazione Legalità”, indetto dagli organizzatori del Festival del Lavoro.

Si è svolta dal 23 al 25 giugno l’edizione 2022 del Festival del Lavoro, manifestazione organizzata dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro e dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. Nato come evento di Categoria, ospita i protagonisti del mondo del lavoro (istituzioni, sindacati, professionisti, lavoratori, accademici e studenti) per analizzare un contesto in continuo cambiamento e per individuare soluzioni strategiche in grado di rilanciare le imprese del Paese.

Il festival è affiancato da “Generazione Legalità”, definito dagli organizzatori il primo Play2Learn sul mondo del lavoro etico in Italia e in Europa. Il progetto è nato per avvicinare i giovani a queste tematiche ed evidenziare l’importanza della lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione in ogni ambito professionale. Parole chiave del progetto sono infatti lavoro, legalità, antimafia, anticorruzione ed etica.

Trasformato ora in un videogame online, il suo tema non si è esaurito in una giornata, ma si è articolato in un lungo percorso di accompagnamento (dagli incontri formativi, passando per 7 missioni fino ad arrivare alla premiazione). L’iniziativa ha rappresentato un ponte tra studenti e mondo del lavoro e, soprattutto, tra studenti italiani e l’Europa: risolvere le prime 6 missioni ha garantito infatti l’accesso alla finale e la possibilità di vincere un viaggio a Bruxelles presso le sedi delle Istituzioni Europee.

Il 25 giugno è stata annunciata la vincitrice e con grande orgoglio possiamo affermare che si tratta di una studentessa di Milano-Bicocca: Francesca Sindona. Le motivazioni del premio sono riportate su Instagram, nel post pubblicato dal profilo ufficiale “@generazionelegalita”.

«il suo video contributo è pieno di idee pragmatiche in un inglese perfetto:
- controllo ispettivo efficiente
- azione condivisa Paesi Europei nel contrasto criminalità organizzata
- cultura della legalità ed ostilità a chi non applica regole
- problem solving, gestione clienti e responsabilità del Consulente del Lavoro»

Abbiamo contattato Francesca per farci raccontare la sua esperienza.

  • Che cosa studi in Bicocca e come sei venuta a conoscenza del concorso "Generazione Legalità"?

«Mi sono da poco laureata in Scienze dei servizi giuridici, con indirizzo consulenza del lavoro, ed ora sto preparando le integrazioni per proseguire il mio percorso in Giurisprudenza (a ciclo unico). Essendo affascinata da tutto ciò che gravita intorno al diritto del lavoro e nello specifico interessata alla consulenza del lavoro sono aggiornata su ciò che ruota intorno a questo mondo. Tramite i social sono venuta a conoscenza del Festival del Lavoro e del gioco Generazione Legalità».

  • È stato impegnativo come percorso? Ci raccontaci gli ostacoli che hai dovuto superare?

«Il gioco, composto da sette missioni, pone all'interno di ogni livello una serie di quesiti incentrati sul tema della legalità. Nell'ultimo livello veniva richiesto un contributo video in inglese nel quale fossero inserite delle proposte innovative a sostegno della legalità in ambito europeo. Mi sono appassionata all'argomento ed ho effettuato uno studio sulle problematiche che affliggono tutta la comunità europea. Il principale ostacolo è stato la ricerca delle fonti in quanto molto spesso in rete si parla delle tematiche dei singoli stati e non dell'Unione Europea in quanto tale, dopo averle individuate la difficoltà è stata proprio capire quali innovazioni proporre che potessero essere concretamente attuabili».

  • Cosa ti aspetti dal viaggio a Bruxelles?

«Sono entusiasta di poter avere questa opportunità. Nonostante sia già stata a Bruxelles non ho mai avuto la possibilità di visitare le Istituzioni Europee».

  • Ti interesserebbe continuare a studiare e poi lavorare in questo settore?

«Mi piacerebbe continuare ad approfondire queste tematiche per poter un giorno lavorare in questo ambito in quanto ritengo la legalità nel mondo del lavoro di fondamentale importanza per la tutela dei diritti dei lavoratori e la dignità del lavoro stesso. Il mio interesse per il Diritto del lavoro si è intensificato grazie al docente di Diritto del Lavoro, il Professor Lorenzo Giasanti il quale è stato in grado di trasmettere oltre alla sua passione per la materia anche l'importanza che il Diritto del Lavoro ha nella vita di tutti».

Facciamo i complimenti a Francesca e speriamo che il suo esempio sia uno stimolo per un’attenzione sempre maggiore al tema della legalità, in tutti gli ambiti.