Un frame del videoclip della canzone "Sto già bene" di Francesco Renga (2002), tratto da Youtube

“Perché (anche) Bicocca è Sanremo”

«Perché Sanremo è Sanremo», recita lo slogan festivaliero per antonomasia. Ma anche l'Università Bicocca a suo modo, è Sanremo. Infatti forse non tutti sanno che il nostro ateneo in passato è stato immortalato nei video di alcune canzoni dei più importanti protagonisti del Festival canoro, di ieri e di oggi. Diventando teatro di amori contrastati e ispiratore di nuove filosofie di vita.

«Ho qualcosa nella testa / Qualche cosa che non va / La mia vita è su una pista / Non so dove porterà», rifletteva nel 2002 Francesco Renga. Se in questi giorni torna per l’ottava volta sulla ribalta sanremese con “Quando trovo te”, allora Renga interpretava “Sto già bene” davanti all’inconfondibile sagoma dell’U6 e sotto la passerella aerea che collega le due sedi centrali dell’Ateneo. Dal suo secondo album registrato in studio, “Tracce”.

Altro habitué del Festival (alla sesta partecipazione) è Max Gazzè, in gara con “Il farmacista”. Nel 2005, invece, si trovava in piazza della Scienza, cercando di rincuorare un amico dalle delusioni della vita e di convincerlo a vedere il lato buono di ogni cosa, perché «niente è per caso / ogni nuovo secondo / ha il suo peso se lo stai vivendo». Tra scene e incontri surreali, Massimiliano Gazzè in arte Max e la sua band suonavano all’ombra dell’U3 e dell’U4 in “Splendere ogni giorno il sole”, singolo che anticipò il doppio album “Raduni 1995 – 2005”.

«Non verrò a cercarti, io ti scorderò / Servirà del tempo e guarirò...» si riprometteva dieci anni fa Marco Mengoni in piazza del Calendario. Era il 2011, a un anno dalla sua prima partecipazione sanremese con “Credimi ancora” e a tre anni dal trionfo con “L'essenziale”. In questo caso, i versi erano tratti da “Tanto il resto cambia”, singolo estratto dal disco “Solo 2.0”, primo album in studio per il “Re Matto” che rifletteva su una relazione finita, mentre sullo sfondo faceva capolino il rosso mattone dell’U1 e dell’U2 da piazza della Scienza.

Una vocazione sanremese, per il nostro ateneo, che traspare anche da alcuni eventi ai quali hanno partecipato star impegnate in questi giorni al Teatro Ariston: Malika Ayane (in gara con “Ti piaci così”) due anni fa intervenne a un incontro sui giovani nella società multiculturale. Lo Stato Sociale (che porta “Combat Pop”) recentemente è stato protagonista di un incontro con gli studenti sulla piattaforma Zoom per presentare il nuovo progetto discografico. Senza dimenticare la presentazione del “Jova Beach Party” alla quale presero parte studenti bicocchini. Jovanotti, intervenuto telefonicamente al Festival durante la prima serata, non salirà sul palco ma due sue canzoni verranno interpretate nella serata dei duetti e delle cover dai cantanti Fulminacci e Random.

In apertura della terza serata della kermesse condotta da “Ama” e “Fiore”, ci sarà l’omaggio dei Negramaro a Lucio Dalla. La band salentina guidata da Giuliano Sangiorgi venne in Bicocca per girare il video di “Solo3min”, singolo proveniente dal loro terzo album “Mentre tutto scorre”. Era il 2005 e in questo caso l'Università la si può solo immaginare ai lati del set, realizzato sullo spiazzo tra il Teatro degli Arcimboldi e viale dell'Innovazione.

Piazzale dell’Ateneo Nuovo torna invece protagonista in una canzone di un altro storico protagonista del Festival (quattro partecipazioni): Filippo Neviani in arte Nek. Chi era in Bicocca il 16 aprile di due anni fa lo sa bene. Tanto che non pochi studenti, docenti e dipendenti dell’ateneo sono poi apparsi nel videoclip di “La storia del mondo”, singolo dall’album “Il mio gioco preferito: parte prima”.

Il colonnato davanti all’Università, la residenza dell’U12, la Collina dei Ciliegi, il Parco Nord, restituiti in suggestive riprese panoramiche a 360 gradi, diventano un inno d’amore alla città e al quartiere Bicocca. Per un messaggio di speranza che di questi tempi è assai gradito. «È tutto per noi / Guardandoci attorno / Siamo la storia del mondo» .

“Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus”

Condividi questo articolo su:

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus.

Iscriviti adesso!