CorriBicocca, "adrenalina e divertimento assicurati”: parola dei vincitori delle scorse edizioni

Manca poco alla quarta edizione di CorriBicocca, la corsa dell’Università di Milano-Bicocca organizzata insieme al CUS Milano. Dopo la special edition del 2020, una staffetta solidale e virtuale per l’ospedale San Gerardo di Monza in prima linea nella lotta al Covid, quest’anno si torna in pista con la corsa competitiva (10 km) e con le camminate ludico-sportive aperte a tutti (5 e 10 km). Anche per questa edizione la gara ha uno scopo benefico: si torna a correre - nel rispetto delle misure anti-Covid - a favore della Fondazione Francesca Rava, per i ragazzi dell'Istituto Penale per i minorenni Cesare Beccaria.
 
Nell’attesa dell’appuntamento di domenica 24 ottobre (le iscrizioni chiudono martedì 19), abbiamo fatto quattro chiacchiere con chi può vantare nel proprio palmares la vittoria alla CorriBicocca .
Come Riccardo Tamassia, studente di General management all’Università di Modena e Reggio Emilia, vincitore dell’edizione del 2019 (10 km maschile), che ricorda così la “sua” CorriBicocca: “È stata una bella esperienza, sono rimasto col gruppo di testa per quasi tutta la gara e a circa 2 km dall’arrivo ho impostato una progressione che mi ha portato alla vittoria”.
Una passione, quella per la corsa, nata anni fa quando, provando il mezzofondo, si è reso conto di riuscire bene in questa disciplina: «Negli ultimi anni ho migliorato i primati personali sugli 800 e sui 1500 metri – ci spiega Riccardo -  ho vinto gare di rilievo nazionale e sono giunto quarto ai campionati italiani assoluti due volte».
 
Ma non è tutto, nel 2019 Riccardo ha vestito la maglia azzurra grazie alla convocazione in Nazionale in occasione dei Giochi Europei di Minsk: nella capitale bielorussa 24 nazioni europee si sono sfidate in diverse discipline, dall’atletica leggera al beach volley, dalla lotta al ciclismo.
 
«A tutti coloro che parteciperanno alla CorriBicocca mi sento di dare qualche consiglio – conclude l’atleta - in primis divertitevi, guardate a questa manifestazione come a un momento di aggregazione e di felicità. Cercate di dare il meglio di voi stessi, qualunque sia il vostro livello e la vostra ambizione. Ne uscirete tutti vincitori, perché la CorriBicocca è stata per me un’esperienza fantastica».
 
Facendo un salto ancora più indietro nel tempo, incontriamo Carlotta Missaglia, la vincitrice della 10 km femminile della prima edizione di CorriBicocca, nel 2018.
 
Oggi Carlotta ha 22 ed è una studentessa universitaria. Ma soprattutto è una triatleta. Ha scoperto la passione per la corsa da giovanissima: «Ho iniziato a correre quando ho deciso di provare a fare triathlon all'età di 11 anni, prima praticavo ginnastica artistica. Mi sono divertita dal primo momento, così ho cominciato ad allenarmi sul serio e con un impegno che negli anni è cresciuto sempre di più. Nell'atletica ho vinto 4 titoli italiani con la mia squadra nella staffetta cross ma sono e sarò sempre una triatleta e i traguardi più importanti li ho raggiunto con il triathlon».

Carlotta ricorda con piacere la sua esperienza con la CorriBicocca: «Mi sono divertita, c’era un’atmosfera in cui sono stata a mio agio perché è proprio in Bicocca che ho scoperto la mia passione più grande, il triathlon».
 
Anche la giovane atleta ha qualcosa da dire ai futuri partecipanti della CorriBicocca: «Il consiglio per chi correrà quest' anno è di fissarsi un obiettivo e mettercela tutta per raggiungerlo, qualsiasi esso sia, ma senza stress sennò si complicano le cose; l’importante è divertirsi e arrivare soddisfatti».
Leggi anche René Cunéaz, dalla CorriBicocca al trionfo nella maratona

Condividi questo articolo su:

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus.

Iscriviti adesso!