Un tuffo nel mondo delle illusioni. A ottobre arriva in Bicocca IllusiOcean

Quattromila metri quadri espositivi, sette stanze tematiche per conoscere i segreti del mare tra specchi e labirinti, 30 gigantografie rappresentati le illusioni con cui la natura riesce a sorprenderci. Dal prossimo primo ottobre, all’Università di Milano-Bicocca, andrà in scena “IllusiOcean” la mostra dedicata alla biodiversità e alla sostenibilità nell’ambiente marino raccontate attraverso il linguaggio delle illusioni.

L’iniziativa, nata da un’idea di Paolo Galli, docente di ecologia di Milano-Bicocca, sarà ospitata negli spazi della Galleria della Scienza (Edifici U1 e U2) e sarà visitabile negli orari di apertura dell’Ateneo da grandi e piccini, da singoli e gruppi provenienti dalle scuole, fino al 31 gennaio 2022

La collaborazione con Mondadori Media consentirà di visitare “IllusiOcean” anche online, in esclusiva sul sito di Focus. Attraverso la modalità immersiva sarà possibile navigare all’interno delle stanze delle illusioni e scoprire, lungo il percorso virtuale, numerose curiosità sul mare e sui suoi abitanti.
Al fianco dell’Ateneo, anche il Museo Nazionale del Cinema di Torino che permetterà al visitatore di rivivere la magia e l’illusione del cinema grazie a un montaggio di film muti e sonori dedicati al mare e di ammirare ricostruzioni di modelli di animazione del “precinema” ispirati all’ambiente marino.

Per sancire simbolicamente il patto nel segno di “IllusiOcean”, il 17 maggio le tre sedi dei partner dell’iniziativa - la piazza dell’Ateneo nuovo con l’edificio U6, Palazzo Mondadori e la Mole Antonelliana - si sono tinte di blu illuminando la serata primaverile con il colore delle profondità dell’oceano (guarda la fotogallery in fondo all'articolo).

Tra gli obiettivi della mostra quello di porre l’attenzione sull’importanza di raggiungere gli obiettivi fissati dalle Nazioni Unite per il decennio delle scienze oceaniche per lo sviluppo sostenibile (2021-2030). In particolare l’Obiettivo 14: conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine.

Lo ha ricordato la rettrice Giovanna Iannantuoni, nel corso della presentazione dell’iniziativa che si è tenuta il 19 maggio presso l’Aula magna dell’Ateneo, sottolineando l’impegno in tal senso da parte di tutta la comunità da lei guidata: «Dal restauro delle scogliere coralline alla ricerca sull’inquinamento marino causato dalla plastica, da tempo i nostri ricercatori studiano soluzioni di sviluppo sostenibile che tutelino i nostri oceani e le sue risorse. Questa iniziativa – ha aggiunto la rettrice - grazie all’utilizzo dell’affascinante linguaggio delle illusioni, ci permette di portare il tema della sostenibilità in ambito marino al centro dell’attenzione del grande pubblico».

Protagonista della mostra sarà anche il mondo della scuola. Un’intera sezione della mostra, infatti, sarà dedicata ai lavori svolti dagli studenti del Licei scientifici Vittorio Veneto di Milano e Luigi Cremona di Milano e dell’Istituto tecnico agrario Emilio Sereni di Roma. In questi mesi circa 500 studenti hanno partecipato ai “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento” progettando e realizzando parti della mostra: ricostruzioni di modellini dei fondali marini, giochi scientifici, cartelloni illustrativi, disegni e audio guide per i visitatori. 

“Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus”

Condividi questo articolo su:

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus.

Iscriviti adesso!