Borraccia Bicocca BASE

Milano-Bicocca a 3.100 metri per il progetto ADA270

Abbiamo aperto il libro della natura, ma siamo solo all’introduzione. Dopo il carotaggio avvenuto sul ghiacciaio del Mandrone (massiccio dell’Adamello) ora ai ricercatori di Milano-Bicocca tocca il compito di svelare i segreti del clima e dell’ambiente, grazie allo studio e l’analisi delle carote di ghiaccio estratte fino a 270 metri di profondità.

Ma com’è nata l’idea di questo progetto ambizioso?  Lino Zani, oggi responsabile del progetto, ne parlò a Valter Maggi, coordinatore scientifico. Ma serviva l’impegno, anche economico, di altri attori.


 
I sei ricercatori - tre del Paul Scherer Institute (Svizzera) e tre di Milano-Bicocca – hanno vissuto per circa 10 giorni a 3.100 metri: com’era scandita la loro vita al campo base, tra ricerca e quotidianità?
 



Credits: Juriba e Chiara Azimonti

Condividi questo articolo su:

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus.

Iscriviti adesso!