L'era del Microbiota, meeting di esperti a Milano-Bicocca

Un meeting internazionale per fare il punto sulla ricerca riguardante il microbiota e per scoprire le più recenti e future applicazioni nell’ambito terapeutico, dalle malattie infiammatorie alle patologie del sistema nervoso. Dal 5 al 7 novembre all’Università di Milano-Bicocca si svolgerà MicrobiotaMi 2018 (Aula Sironi Edificio U4, piazza della Scienza 4, per info: https://microbiotami.com/), una tre giorni di incontri organizzata, con il patrocinio dell'ateneo nell’ambito del ventennale, come evento finale all’interno del progetto europeo Marie Curie-European Training Networks TOLLerant, coordinato da Francesco Peri, professore ordinario di Chimica organica di Milano-Bicocca. All’evento interverranno alcuni dei maggiori scienziati ed esperti internazionali del settore oltre a giovani ricercatori.

Professor Francesco Peri, che cos’è il microbiota?

Il microbiota o microbioma è l’insieme dei microrganismi che popolano il nostro corpo fin dalla nascita. Sono milioni di miliardi di virus, batteri e funghi e lieviti che popolano vari organi, in particolare l’intestino, e influenzano lo stato di salute e di malattia del nostro organismo.

Come si relazione il microbioma al nostro organismo?

Il microbioma, soprattutto quello intestinale, dialoga con il resto dell’organismo attraverso un linguaggio chimico fatto di piccole molecole e la cosa interessante è che anche il resto del nostro organismo dialoga con il microbioma attraverso lo stesso linguaggio, condizionandone la composizione e altri aspetti. La salute del nostro organismo è determinata in modo fondamentale dal cibo che influisce sulla composizione del microbiota intestinale il quale a sua volta influenza una serie di organi e funzioni, secondo i cosiddetti assi intestino-cervello, intestino-fegato, intestino-pelle...

In quale direzione di sta muovendo la ricerca?

L’interesse scientifico negli ultimi anni si è spostato dalla caratterizzazione di queste popolazioni di microorganismi allo studio delle molecole che fanno da messaggeri della comunicazione tra microbiota e corpo umano. Dalla conoscenza di questi meccanismi e di queste molecole la comunità scientifica si aspetta, in un tempo relativamente breve, la scoperta di nuove e specifiche strategie terapeutiche e mediche riguardanti malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, e patologie del sistema nervoso centrale come l'autismo e l'epilessia.

Cosa ci aspetta a MicrobiotaMi 2018?

Dal 5 al 7 novembre 2018 saranno presenti e interverranno i maggiori esperti mondiali del settore e i giovani ricercatori emergenti che potranno confrontarsi con i colleghi e presentare i loto più recenti risultati scientifici sotto forma di presentazioni orali e poster.

Condividi questo articolo su:

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus.

Iscriviti adesso!