Dall'Asilo Mariuccia alla CorriBicocca, la storia di Amen: “Lo sport mi ha salvato nei momenti più bui” - Bnews
Dall'Asilo Mariuccia alla CorriBicocca, la storia di Amen: “Lo sport mi ha salvato nei momenti più bui”
094a5d66-5661-42b3-a0fe-3f772215cc08.jpg

L’Università di Milano-Bicocca corre per la Fondazione Asilo Mariuccia Onlus. Parte del ricavato della CorriBicocca, la manifestazione podistica organizzata per domenica 23 ottobre dall’Ateneo insieme al CUS Milano, sarà destinata alla ristrutturazione della palestra del polo di Porto Valtravaglia (VA). Qui la Fondazione si occupa di minori in difficoltà tra i 14 e i 18 anni.

Amen Allah Oueld Essoufi
Amen Allah Oueld Essoufi

Come Amen Allah Oueld Essoufi, 20enne di origine tunisina, che in comunità ha trascorso tre anni e mezzo: “Arrivato in Italia, dopo i primi sei mesi difficili, ho conosciuto la realtà dell’Asilo Mariuccia. Qui ho trovato gente in gamba, dagli educatori a tutto il personale. Ho avuto modo di praticare sport e di studiare, ho imparato la lingua italiana ed è anche grazie a questo che ho ottenuto un lavoro”.
Amen oggi è un addetto al reparto ortofrutta in un supermercato della zona in cui ha sede la comunità della Fondazione Asilo Mariuccia: “Amo vivere e lavorare qui. È un posto immerso nel verde, vicino al lago. E poi dista solo un’ora da Milano. Qui ho la possibilità di vedere mio fratello tutti i giorni, anche lui è ospite della comunità”.
Lo sport è sempre stato il faro che ha illuminato la sua strada: “Quando mi sentivo triste o avevo un problema – racconta il giovane – prendevo il pallone e andavo in palestra. Se non ci fosse stata, non so come avrei fatto: è stata la mia salvezza”.

La palestra del polo di Porto Valtravaglia della Fondazione Asilo Mariuccia Onlus
La palestra del polo di Porto Valtravaglia della Fondazione Asilo Mariuccia Onlus


È uno sportivo a tutto tondo, Amen, passa dal taekwondo - che praticava soprattutto quando viveva in Tunisia - al basket, la sua passione da quattro anni. E ogni volta che può ne approfitta per fare pesi, correre o uscire in bicicletta. “Lo sport è stato fondamentale anche per legare con gli altri ragazzi in comunità – spiega Amen -. Anche se personalmente non ho mai avuto problemi a fare amicizia, ogni volta che arrivava un ragazzo nuovo, non era semplice entrare in confidenza. Ma poi, quando ci trovavamo insieme in palestra, tra un calcio al pallone e un tiro al canestro, era molto più facile rompere il ghiaccio”.

È per quello che racconta Amen, e perché lo sport rappresenta uno strumento di crescita emotiva e sociale, che la Fondazione Asilo Mariuccia ha deciso di investire nella ristrutturazione della palestra del polo di Porto Valtravaglia. L’Ateneo e il Cus Milano, attraverso la CorriBicocca, hanno scelto di essere al fianco della Fondazione nella realizzazione di questo progetto.
“Per l’Università lo sport è un elemento centrale del percorso educativo dei giovani, in qualsiasi condizione sociale o economica essi si trovino” afferma la rettrice Giovanna Iannantuoni.
“Desideriamo che CorriBicocca divenga un appuntamento centrale per unire le nostre forze nel sostegno a progetti inclusivi come quello di Asilo Mariuccia» aggiunge Lucia Visconti Parisio, delegata della rettrice per lo sport universitario.

La partenza di CorriBicocca 2021
La partenza di CorriBicocca 2021

L’appuntamento in pista è per domenica 23 ottobre, davanti al Bicocca Stadium, per il percorso da 5 o da 10 chilometri: “Non vedo l’ora di poter contribuire a questa bellissima iniziativa anche con la fatica delle mie gambe – conclude Amen – Turni di lavoro permettendo!”.

Info e iscrizioni su www.corribicocca.it