5 per 1000, futuro alla ricerca

L’Università vive e cresce con e per i giovani. Mettere a loro disposizione spazi adeguati, supporti didattici innovativi, docenti competenti e aggiornati è una missione quotidiana che richiede grande passione e impegno. Il risultato, però, ripaga gli sforzi: i giovani sono il futuro.
Alcuni di questi giovani sceglieranno di fare della ricerca il loro futuro e potranno contribuire, più o meno direttamente, a scoperte e progressi che vanno a beneficio di tutti.
Naturalmente, fare tutto ciò richiede anche risorse economiche ingenti. Il 5 per mille dell’Irpef è da qualche anno una possibile fonte di raccolta fondi che permette di finanziare importanti attività istituzionali. L’Università degli Studi di Milano-Bicocca ha deciso da subito, e continua a farlo, di utilizzare le donazioni del 5 per mille per istituire borse di studio a favore di giovani capaci, meritevoli e promettenti. Lo scopo è quello di  sostenere progetti strategici in diversi campi fra i quali, ad esempio, quello sanitario, quello delle scienze umane e delle scienze tecnico naturali.
Le borse di studio istituite permetteranno a giovani motivati di completare e perfezionare la propria formazione in Italia o all’estero. L’Università di Milano-Bicocca attiva ogni anno con le proprie risorse decine di borse di studio per studenti che frequentano corsi di laurea, di laurea magistrale, dottorati di ricerca e Scuole di specializzazione. I risultati che questi giovani, in futuro, potranno raggiungere nei diversi ambiti di specializzazione dipenderanno anche da questa concreta opportunità.
Le donazioni ricevute attraverso la destinazione del 5 per mille ci permetteranno di incrementare il numero di borse di studio consentendo a un numero maggiore di giovani meritevoli di intraprendere una carriera nella ricerca. Una scelta importante. Una scelta per il futuro.
Per questo vi chiediamo di sostenere l’Università di Milano-Bicocca.
Tutte le informazioni per sapere come fare la donazione nella pagina del 5x1000

Condividi questo articolo su:

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter Bnews per rimanere aggiornato su tutte le ultime news dal Campus.

Iscriviti adesso!